Cooperativa Raccolto
contatti
home



A Sondrio arriva la mostra
PIONIERI DI ARDITEZZE SOCIALI
COME ERAVAMO
Riscoprire un secolo di trasformazioni sociali del territorio lombardo attraverso i documenti della Società Umanitaria


La mostra si svolge sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica,
con il contributo e patronato di Regione Lombardia
con il patrocinio del Comune di Sondrio e Comune di Tirano
Sponsor: Banca Popolare di Sondrio
Si ringrazia per la collaborazione l'Auser di Sondrio




1921, Scuola Popolare Agricola di Ardenno, Valtellina. Modello di banco.


Dal 21 ottobre fino a fine novembre 2014, la mostra storico-documentaria Pionieri di arditezze sociali/Come eravamo fa tappa in Valtellina, prima a Tirano poi a Sondrio. Proprio a Tirano, infatti, dal 1911 la Società Umanitaria aveva istituito una propria Sezione distaccata, un Ufficio del Lavoro e dell'Emigrazione (di cui era direttore Bernardino Mazza, con sede a Palazzo Foppoli), che avrebbe portato avanti una meticolosa azione sociale a favore delle popolazioni locali (specialmente nel settore dell‚emigrazione e dell‚istruzione professionale), creando una rete capillare di sotto-sezioni e corrispondenti in tutta la valle e nella vicina Svizzera.

I compiti di questa Sezione (che rimarrà attiva fino al 1925) si evincono subito dalle parole di Dino Mazza: "prima di assistere l'emigrante, è necessario prepararlo mentre è in patria, migliorando la sua coltura elementare e tecnica; diffondendo i principi della previdenza e dell‚igiene. A tale scopo non verranno trascurate le conferenze, la pubblicazione di opuscoli di propaganda, redatti in forma popolare. Ma soprattutto il nostro Ufficio istituirà, dove appena sarà possibile, le scuole degli emigranti, ove saranno insegnate le principali nozioni geografiche e politiche dei paesi ove si dirige la nostra emigrazione; le leggi italiane che la regolano, le leggi estere sul lavoro, specialmente quella svizzera, e se appena sarà possibile i primi soccorsi in lingue straniere (tedesco e francese). Verrà fatto l'esperimento delle scuole professionali: prima tra tutte quelle di economia domestica la quale sarà di grande giovamento alle giovani che emigrano nella Svizzera impiegandosi negli alberghi. Per l'ufficio del lavoro verranno curate altre iniziative, come sussidi per le piccole opere di miglioramento alla case dei contadini, sussidi alle piccole industrie di lavori invernali, ecc".

Insieme a documenti originali relativi all‚azione in Valtellina (i primi contatti si ebbero fin dal 1902, quando l'Umanitaria sovvenzionò la Cattedra Ambulante di Agricoltura della Valtellina, chiamando a rappresentarla nel Consiglio Direttivo nientemeno che Luigi Credaro), la mostra presenta una piccola ma qualificante parte del patrimonio archivistico della Società Umanitaria (un archivio riconosciuto di notevole interesse storico dalla Soprintendenza Archivistica per la Lombardia), per raccontare la storia d'Italia attraverso alcune iniziative che questa benemerita istituzione milanese ha realizzato nel corso del Novecento in difesa di donne, disoccupati, emigranti, contadini, profughi.

Iniziative e progetti concreti di cui anche il Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat (durante la visita ufficiale del 25 ottobre 1965), ha voluto riconoscerne il valore: "Voglio ricordare che nei tempi in cui l'esercizio del diritto di voto era subordinato al saper leggere e scrivere fu qui all'Umanitaria che si costituirono le prime scuole serali e si venne modellando l'ideale dell'operaio evoluto e cosciente che da Milano si irradiò in tutta l'Italia: un esempio che nulla è riuscito a cancellare".


Si ringrazia per la collaborazione alla mostra:
Bruno Ciapponi Landi, Nella Credaro Porta, Fausta Messa, Simona Mazza Schiantarelli, Dino Mazza
insieme a: Ennio Galanga, Vania Fasolo, Francesca Fumagalli, Carla Soltoggio Moretta, Alberto Montani, Vincenzo Servile.
Un particolare ringraziamento all'avvocato Francesco Venosta.






Tirano, Valtellina. La prima sede dell'Ufficio Provinciale del Lavoro e dell'Emigrazione, fondato da Bernardino Mazza e presto divenuto Sezione della Società Umanitaria di Milano.



SONDRIO. PALAZZO PRETORIO

7 - 30 novembre 2014

Inaugurazione:
Sala consigliare, 6 novembre 2014, ore 17.30

Intervengono:
Morris L. Ghezzi
sociologo del diritto, consigliere dell'Umanitaria

Marina Cotelli
Assessore alla Cultura del Comune di Sondrio


TIRANO. PALAZZO FOPPOLI
22 ottobre ˆ 2 novembre 2014

Inaugurazione:
Sala consigliare, 21 ottobre 2014, ore 17.30

Sono intervenuti:
Arturo Colombo

storico, consigliere onorario della Società Umanitaria
Sonia Bombardieri
Assessore alla Cultura del Comune di Tirano



ORARI:
da martedì a domenica, ore 14.00-18.30
Mercoledì mattina apertura per le scuole

INFORMAZIONI:
Società Umanitaria
Archivio Storico
tel. 02 5796 831

umanitaria@umanitaria.it






Cooperativa Raccolto