Cooperativa Raccolto
contatti
home



Artoteca
CSBNO - RACCOLTO



“Artisti e Autori hanno ancora qualcosa da dire.
Attingere creatività direttamente alla fonte, senza intermediazione o manipolazione, vuol dire restituire
alla cultura la sua funzione principale,
e cioè partecipare con efficacia e incisività alla crescita
e al miglioramento della qualità della vita”


(Dal manifesto programmatico per la fondazione
della Cooperativa Raccolto - Morimondo 1991). 



Tilane - Paderno Dugnano. Nella luminosa struttura diseganta da Gae Aulenti, l'esposizione delle opere in una delle dieci biblioteche comunali aderenti al progetto.


Una galleria d’arte diffusa
nelle biblioteche del Nord Ovest

Un’esperienza straordinaria: prendere in prestito un’opera d’arte originale - accompagnata da una scheda che ne racconta la storia e l’artista che l’ha realizzata - portarla nella propria abitazione e goderne la bellezza e le emozioni che certamente da essa irradieranno.
Da Ernesto Treccani a Emilio Tadini, da Daniele Oppi a Paolo Baratella, da Stefano Pizzi a Bros, uno spaccato significativo dell’arte contemporanea italiana (circa 50 artisti per 190 soggetti) in mostra in dieci biblioteche per un totale di 440 opere disponibili per il prestito.


Un’interessante selezione di arte contemporanea
solo per i possessori della



Biblioteche del CSBNO in cui trovate le opere per il prestito:

Bollate
-
Canegrate - Cinisello Balsamo - Cormano
Lainate - Legnano - Paderno Dugnano
Pero - Rho - Vanzago







Da sinistra: Gianini Stefanini, direttore del Csbno, don Gino Rigoldi e Nerio Agostini, presidente del Csbno alla Biblioteca di Bollate.

Durante la giornata di festa di BiBoll, don Rigoldi ha inaugurato il servizio Artoteca di Bollate prendendo in prestito un'opera del 1972 di Antonio Fomez.


(Prendi l'arte e portala a casa. Con "Artoteca".
Da "il Venerdì", settimanale di "la Repubblica" dell'11 luglio 2014). 


Il servizio Artoteca – main service di Csbno - è possibile grazie alla passione della cooperativa Raccolto, che ha sede nella storica Cascina del Guado (un'anteprima delle opere in prestito ha avuto luogo al Guado). Artoteca permette all’arte di circolare al di fuori dei consueti canali espositivi e ai cittadini di entrarvi in contatto in maniera diretta e semplice.
Le Artoteche nascono grazie al modello di politica culturale fondato sull’uso di strumenti di supporto pubblico delle arti e degli artisti e sull’esistenza di relazioni molto strette tra autorità pubbliche, istituzioni artistiche, società di Belle Arti, associazioni professionali degli artisti.
Il Consorzio riprende questa idea, la rielabora grazie ad un incontro importante con la storia dell’arte contemporanea italiana. Dalla comune del Guado degli anni ‘70 – una Factory tutta italiana – alla comunità delle Biblioteche del Nord Ovest del XXI secolo con un unico intento: la circolazione libera dei saperi, la condivisione e il dialogo delle diverse espressioni culturali come strumento di crescita sociale.
Le 440 opere presentate possono essere collocate in tre momenti creativi particolari: un primo momento fa capo ai primissimi anni ‘70 e si svolge liberamente e intensamente nel fervido cenacolo, fondato da Daniele Oppi, della Comune del Guado; tra il 1970 e il 1974 in quella comune si incontrano e confrontano diverse personalità della cultura e dell’arte di differenti generazioni ed estrazioni. Sono gli anni sì della provocazione ma anche della proposta socio-culturale diffusa, sono gli anni dell’impegno politico e intellettuale; al Guado un nutrito gruppo di artisti produceva opere grafiche (oggi vere rarità per collezionisti) di grande impatto comunicativo e simbolico, sovente utilizzando carte, colori e forme anche riferibili alla grafica caraibica e sudamericana oltre che al pop d’oltre oceano (da cui provenivano alcuni artisti). Si tratta di personalità come Antonio Fomez, lo stesso Daniele Oppi, Leonardo Capano, Albe Steiner, Ernesto Tavernari, Franco Di Pede, Mario De Micheli, Romano Santucci, Henri Baviera, Mike Selig, Augustin Español Viñas, Giancarlo Gragnani (inangarg), Oreste Amato.
Il secondo momento è quello della nascita della cooperativa Raccolto che vede la creazione del “faldone - l’opera delle opere”, uno scrigno di lavori artistici multidisciplinari rivolto agli Enti pubblici.
Una base di partenza per re-instaurare un rapporto storicamente utile, oltre che legittimo, tra le comunità e gli artisti. Proprio da questo faldone provengono le opere del periodo di “mani pulite” un momento di grandi cambiamenti politici e sociali. Gli artisti qui coinvolti sempre con Oppi, animatore anche di questa iniziativa cooperativa, sono: Emilio Tadini, Marco Viggi, Giangiacomo Spadari, Ernesto Treccani, Rino Crivelli, Vito Intini, Piero Leddi, Stefano Pizzi, Ahmed Ben Dhiab, Gianfranco Baruchello, Paolo Baratella, Giancarlo Colli, Roberto Sambonet. Sono opere di riconosciuti artisti, realizzate con maestria per conto del Raccolto alla Stamperia d’Arte l’Incisione.
Le opere selezionate per l’ultimo periodo, il terzo (quello nato dal fertile terreno del Padiglione d’Arte Giovane di Inveruno - Inverart e dalla partnership con la Società Umanitaria), sono prodotte con sistemi invalsi nella realizzazione dell’opera grafica, o sono state realizzate con l’utilizzo di tecniche moderne legate a nuove tecnologie: tutte sono il frutto di un’approfondita ricerca nella sperimentazione tecnica e dei linguaggi. Qui troviamo anche: Giuseppe Abbati, Bros, Carmine Sabbatella, Francesco Oppi, Antonella Parolo, Massimo Silvano Galli, Michele Stasi, Linda Grittini, Giorgio Roggino, Topylabrys. Altri stanno lavorando con il Raccolto per produrre nuovi lavori.


Nerio Agostini
Presidente CSBNO



Villa Burba di Rho, presentazione del progetto "Artoteca Csbno-Raccolto". Da sinitra: Gianni Stefanini, Francesco Oppi, l'Assessore alla Cultura del Comune di Rho, Giuseppe Scarfone e Nerio Agostini
. Con le opere di Daniele Oppi, Rino Crivelli, Giancarlo Colli ed Emilio Tadini.

Comitato scientifico
Andrea B. Del Guercio
Massimo Silvano Galli
Giorgio Seveso

Referenti del progetto
Direzione:
Gianni Stefanini - Csbno

Direzione Artistica:
Francesco Oppi - Raccolto

Organizzazione:
Michela Speroni - Csbno
Franca Stangherlin - Raccolto
Giuseppe Abbati - Raccolto

Comunicazione:
Anna Lisé - Csbno
Partecipano
con le loro opere:


Giuseppe Abbati
Oreste Amato
Paolo Baratella
Gianfranco Baruchello
Ahmed Ben Dhiab
Vittorio Brevi
Bros
Max Capa
Giancarlo Colli
Rino Crivelli
Comune del Guado
Delima Medeiros
Franco Di Pede
Matteo Dicorato
Salvatore Fiume
Antonio Fomez
Renato Galbusera
Federica Galli
Massimo Silvano Galli
Giancarlo Gragnani
Luigi Granetto
Giuliano Grittini
Linda Grittini
Vito Intini
Maria Jannelli
Piero Leddi
Armida Lombardi
Silvio Manzotti
Jean Moreaux
Ugo Nespolo
Daniele Oppi
Francesco Oppi
Antonella Parolo
Stefano Pizzi
Giorgio Roggino
Carmine Sabbatella
Roberto Sambonet
Ugo Sanguineti
Aligi Sassu
Aldo Simoncini
Gudrun Sleiter
Renzo Sommaruga
Giangiacomo Spadari
Michele Stasi
Emilio Tadini
Topylabrys
Ernesto Treccani
e Mario Spinella
Velasco
Marco Viggi
Renato Volpini


Informazioni:

CSBNO
Tel. 02 990 60 71
www.bibliodipiu.it

Coop Raccolto

Tel. 0331 875 337
www.raccolto.org



Nel catalogo online (Opac) del Csbno trovi l’elenco delle opere disponibili


Si ringrazia per la professionalità "Cornici Ciquadro"
di Turate (CO)




(Portare l'arte a casa si può: presto nelle biblioteche centinaia di opere in prestito. Da "Il Giorno" del 31 agosto 2014 - leggi l'articolo). 







Cooperativa Raccolto